Il 18 Gennaio partono i volontari per la realizzazione di un ambulatorio oculistico a Bamako – Mali

Il 18 Gennaio, dopo avere inviato, con due spedizioni aeree, tutte le apparecchiature medicali, don Sergio, Gianluca Martone sua moglie Patrizia, le due infermiere Maria e Chimena e la nostra Federica Olla, partono da Fiumicino per Bamako, in Mali.
La partenza é prevista alle ore 11,45 e dopo una sosta a Tunisi, l’arrivo dei nostri, delle 12 valigie e bagagli vari é prevista alle ore 23,45 dello stesso venerdì
Quì, presso “l’Hòpital Mali Gavardod, Bamako – Koulikoro”, allestiranno un nuovo ambulatorio oculistico e dopo due giorni necessari per la preparazione organizzativa, inizieranno le visite e le operazioni di cataratte.
Un augurio dei parrocchiani affinché tutto proceda al meglio e per questo gli dedichiamo una poesia pubblicata per questo da Maria Rosa Tabellini Partini.

E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!» (Mc 10, 51)

"Martino"

Parlai della luna.
Eravamo una diecina,
per terra, accovacciati,
a giro, nel giardino.

Parlai del bianco
della luna;
delle macchie nel bianco
della luna; della luce
che viene dalla luna.
Ascoltavano me
guardando la luna.
C’era Martino,
il bambino che aveva
gli occhi spenti, insieme
a noi:
stava a testa bassa,
le mani sull’erba
appena nata.

Parlai della luna,
tonda e a falce;
della mezzaluna;
del giuoco della luna
che si nasconde fra le nuvole
e riaffaccia…
E all’improvviso Martino
m’interruppe.
«È bella»
disse «la luna!»

(da Nino de Vita, Cutusìu, Mesogèa, Messina 2001)

Non escludo che l’accostamento della poesia col testo evangelico appaia forzato o peregrino: può darsi, ma, in realtà, questo breve testo vuole essere anche un augurio per l’inizio dell’attività dell’ambulatorio oculistico in Mali.
MRT

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *